Museo della Polizia Federale Argentina

pubblicato in: Diario di Bordo 2020 | 0

Notte migliore.
Il museo della polizia federale è il primo appuntamento. Interessante osservare la grande quantità di reperti conservati con estrema cura. Una rassegna di tutte le uniformi che la polizia ha vestito già dalla colonizzazione alle attrezzature, armi, mezzi, comunicazione etc.
Incontro a seguire presso il QG della PFA. L’accoglienza da parte dei colleghi ci lascia senza parole: troviamo la fanfara della polizia che intona musiche dei 4 paesi di cui MFP è composta e schierati rappresentanti dei reparti speciali del corpo della PFA. L’edificio, che si trova a pochi passi dalla Casa Rosada, è un monumento storico di grande valore con una architettura tipicamente europea. I cognomi che leggo sulle uniformi sono quasi tutti italiani, sembra di essere a casa.
Rientriamo in caserma per il pranzo e per una doccia, il caldo è allucinante, ed il pomeriggio partecipiamo ad una messa che il Cardinale della città ha voluto offrire al team di MFP.
Il lavoro che svolge la chiesa cattolica a Buenos Aires è encomiabile, soprattutto se si pensa al contesto disagiato in cui opera.