2002 la Cina è vicina

pubblicato in: Cina | 0

Siamo un gruppo di agenti della Polizia di Stato che per l’occasione si è raccolto in una Associazione denominata “Peace for the People” e stiamo organizzando un raid motociclistico che, dopo aver attraversato vari Paesi posti sul percorso, ci porterà nell’inizio di agosto 2002, in Cina. Un progetto ambizioso di cui conosciamo le grandi difficoltà di realizzazione.

Roma_Pechino_map
Lo scopo di questa esposizione è proprio quello di sensibilizzare tutti coloro, istituzioni e privati cittadini, che possono e vogliono contribuire alla realizzazione di un sogno.

 

Perché la Cina?

Cominciamo col dire che, tra tutte le mete che sono emerse durante le lunghe riunioni che hanno preceduto la fase di realizzazione del viaggio, la Cina è stata quella che ha da subito riscosso il consenso di tutti, grazie anche alla consulenza dell’amico Mauro Ceccarelli che è stato il primo nella storia del motociclismo turistico a raggiungere Pechino via Tibet nel 1990, aggiudicandosi il premio “viaggio dell’anno” conferitogli dalla Federazione motociclistica italiana.

Certamente una buona dose di ambizione ci ha persuaso della scelta, ma anche considerazioni di carattere storico e culturale. La Cina è vicina, non sia inteso come un paradosso.
Questo Paese – destinato ad essere sempre più protagonista nel consesso delle nazioni – ha svolto un ruolo che pochi altri possono vantare nella storia. Una cultura millenaria che ha influenzato l’intero Pianeta, una vastità e una varietà di popoli e tradizioni che hanno pochi eguali; una popolazione, la più numerosa del mondo e, da più di un decennio, uno sviluppo economico che viaggia a ritmi doppi – se non tripli – dei Paesi più ricchi ed evoluti. Non ci vuole molto per capire che la Cina sarà nel prossimo futuro un player protagonista dei destini del mondo.

Quest’anno sarà l’anno dell’ingresso della Cina nel WTO, l’Organizzazione mondiale che regola il commercio tra le nazioni al fine di una completa armonizzazione dei mercati.

E’ una grande sfida sia per i Paesi occidentali sia per la Cina; entrambi saranno sicuramente chiamati a rivedere molte delle loro consolidate posizioni affinché alla fine si possa parlare un linguaggio comune.
La Cina in pochi anni si è aperta all’economia di mercato e nel giro di qualche decennio è destinata a divenire la seconda potenza economica del pianeta con inevitabili ripercussioni benefiche sulla sua popolazione; ripercussioni che non saranno solo economiche, ma soprattutto politiche e sociali.

missione Cina MotoForPeaceLa recente assegnazione a Pechino dei prossimi giochi olimpici, certamente è un riconoscimento di quanto è stato fatto in questa direzione.
Contemporaneamente i Paesi occidentali dovranno correggere quegli aspetti esasperati del loro capitalismo, aspetti che pare non siano stati in grado di proteggere le categorie sociali più deboli assicurandogli soglie minime di civile e dignitosa esistenza.

Certo la strada per una completa integrazione tra le due concezioni sarà ancora lunga, ma la strada è tracciata e sembra irreversibile.
Alla fine di questa strada non potrà che esserci un maggiore e più diffuso benessere per tutti i popoli del pianeta. Stiamo scalando una montagna da lati opposti, è vero, ma ora che siamo quasi sulla cima iniziamo finalmente a vederci ed a parlarci.
Cinesi ed italiani hanno questa lunga tradizione di dialogo, una tradizione che risale a quando un sognatore come noi, ha deciso di intraprendere un lungo viaggio verso terre ignote e bellissime. Quel viaggiatore si chiamava Marco Polo.

Da quel viaggio ci sono venute tante cose che non vorremmo elencare solo per paura di dimenticarne qualcuna, cose che hanno incrementato le nostre tavole ed il nostro modo di vestire; le piccole cose di tutti i giorni ed i grandi concetti filosofici che sono andati ad arricchire le nostre coscienze.
Noi ancora oggi ci sentiamo attratti da quelle strade, che anche se non più ignote, non hanno perduto il loro fascino, e dalla stessa civiltà che secoli or sono attrasse il nostro concittadino.
La Cina sarà sempre più vicina.
Ed a contribuire, modestamente, a ridurre ulteriormente le distanze vorremmo provarci anche noi con questo viaggio.

itinerario_Cina_ 2002

Non siamo digiuni di raid motociclistici, alcuni di noi hanno già partecipato, unitamente ad altro motoclub, all’organizzazione di viaggi che hanno unito l’aspetto turistico a quello sociale: in occasione del grande giubileo del 2000 una spedizione a Capo Nord e, da ultimo, una Pasqua di solidarietà in Kosovo che ha portato alla gente di Pec, duramente provata dalla guerra, un carico di aiuti alimentari e di materiale didattico che abbiamo consegnato nelle mani dei nostri militari di stanza laggiù.

Il viaggio in Cina ci permette di cimentarci con un progetto con elevate difficoltà logistiche e organizzative: il nostro scopo è quello di coinvolgere il maggior numero di risorse possibili per stabilire un gemellaggio con le forze di polizia cinesi in modo da instaurare un dialogo tra professionisti. Il percorso che avevamo pianificato era attraverso il Tibet, ma in seguito ai tragici atti terroristici che potrebbero aver turbato l’equilibrio politico mondiale, abbiamo ritenuto opportuno modificarlo al fine di evitare qualsiasi tipo di rischio ai membri della spedizione.

Attualmente il nuovo itinerario è il seguente: Austria, Repubblica Ceca, Polonia, Bielorussia, Federazione Russa, Kazakistan e Cina.
Nelle capitali di tutti i Paesi che attraverseremo, abbiamo previsto degli incontri con i colleghi locali, per porgere un messaggio di fratellanza e di pace.
Faremo azioni simboliche, come scambiarci i gagliardetti dei rispettivi corpi di appartenenza o proporre targhe-ricordo che testimonino la nostra volontà di dialogo-collaborazione. Azioni che verranno portate a conoscenza giornalmente tramite internet, infatti il team prevede di inviare un racconto e delle foto che documentino gli eventi più importanti (www.motoforpeace.it). Abbiamo previsto, anche, un coinvolgimento di alcune scuole in modo che i bambini possano interagire, tramite noi, con i loro coetanei più lontani.

Ci auguriamo inoltre, una volta organizzata la spedizione, di riuscire a raccogliere dei fondi da devolvere in beneficenza attraverso l’intervento del Cappellano della P.S. per la Regione Lazio, Don Angelo Oddi: il nostro progetto, individuato insieme alla Onlus Asia è il potenziamento di una clinica in territorio tibetano. Molte cose ci restano ancora da fare. Il nostro lavoro è un work in progress che si arricchirà strada facendo di tutte le idee e gli stimoli che ci verranno da coloro che vorranno aiutarci a realizzare questa grande impresa.

I mezzi che avremo a disposizione saranno sei: cinque motociclette Aprilia Capo Nord ed un furgone Mercedes di supporto tecnico-logistico, noi siamo in nove e siamo animati da una grande speranza: portare a termine un’avventura che possa contribuire, nel suo piccolo, a rendere più vicini i popoli della Terra.

 

Progetto Medicina Dangche

Progetto Medicina Dangche
PROGETTO PER IL POTENZIAMENTO DELLA MEDICINA TRADIZIONALE TIBETANA E DELLA SANITA’ DI BASE NELLA PREFETTURA DI HAINAN, NELLA CONTEA DI GUIDE NEL VILLAGGIO DI DANGCHE.

1-Contesto
Questo progetto nasce dall’incontro fortuito di due Associazioni senza fini di lucro, che nonostante le modalità operative diverse, cercano di raggiungere gli stessi obiettivi: aiutare le popolazioni più povere del pianeta e fare conoscere al mondo realtà diverse in modo da creare contatti e sinergie per sviluppare le condizioni sanitari, sociali ed economiche delle minoranze del nostro pianeta.

2- Gli attori coinvolti
Peace for the People: è una associazione di Agenti della Polizia di Stato Italiana, che ha come obbiettivo quello di creare nella gente una conoscenza delle culture del mondo e di fare in modo che sempre di più i popoli della terra possano, conoscendosi, vivere in pace ed in armonia. Inoltre l’Associazione ha come obbiettivo quello di partecipare alla realizzazione di progetti di sviluppo, sensibilizzando la società civile e raccogliendo fondi necessari alla realizzazione di questi programmi.
ASIA: è una organizzazione non governativa, riconosciuta idonea dal Ministero degli Affari Esteri Italiano, che lavora in Cina ed in particolare nelle regioni abitate dalla popolazione tibetana, dal 1993. I progetti, realizzati in questi anni da ASIA, riguardano prevalentemente lo sviluppo dell’educazione dei bambini tibetani, la formazione degli adulti, degli insegnanti e dei medici locali, lo sviluppo delle condizioni sanitarie grazie alla costruzione di cliniche di medicina tradizionale, alla formazione del personale sanitario locale e alla produzione di farmaci tradizionali, meno costosi e più conosciuti dai tibetani.

3- Modalità di svolgimento della iniziativa
L’Associazione Peace for the People sta organizzando un raid motociclistico, che dopo avere attraversato l’Italia, l’Austria, la Cecoslovacchia, la Polonia, la Federazione Russa, il Kazakhistan, il Tibet del Nord e la Cina concluderà il viaggio a Pechino. Durante il raid, in tutte le capitali attraversate, saranno organizzati incontri con le associazioni di polizia e enti locali per diffondere l’iniziativa e portarla a conoscenza di una maggiore numero di persone. Una campagna stampa e di raccolta fondi è in corso in Italia per raccogliere le risorse necessarie alla realizzazione di questo progetto.

Dall’altro canto, ASIA, fornirà tutta la propria esperienza tecnica, gestionale e amministrativa per portare a compimento questo progetto e fare sì che i fondi donati siano utilizzati per il beneficio dei tibetani del Qinghai che vivono in condizioni di estrema miseria.

4- Località
Villaggio di Dangche, nella contea di Guide.
Il villaggio di Dangche copre un area di 60 km quadrati e consiste di otto villaggi. Dangche dista 20 km circa dal capoluogo di contea. L’area è caratterizzata da aride catene montuose intersecate da strette gole e vallate. L’altitudine varia dai mt. 2.500 delle valli dello Huang he (Fiume Giallo) ai 5.000 m delle montagne circostanti. Le condizioni climatiche semi-aride sono caratterizzate da una temperatura media di 5° con precipitazioni scarse. La valle di Dangche, sede dell’ intervento previsto, è abitata prevalentemente da agricoltori tibetani, mentre le zone di montagna da nomadi dediti alla pastorizia.
Il villaggio di Dangche, localizzato nella contea di Guide è uno dei villaggi più poveri della prefettura di Hainan. L’altitudine varia tra i 2.700 e i 4.000 metri. Il villaggio è abitato prevalentemente da agricoltori, che a causa della siccità, che ha colpito questa regione negli ultimi anni, vivono in condizioni disperate.
Il reddito medio pro capite in questo villaggio si aggira intorno agli 80 $ per anno.
A Dangche, prima dell’intervento di ASIA, non vi erano scuole o cliniche e la gente locale cresceva senza alcuna educazione. La percentuale dei bambini che non andava a scuola raggiungeva il 90% della popolazione in età scolastica.

5- Descrizione della situazione attuale nel villaggio di Dangche
Dal 1993 al 1997, ASIA ha realizzato nel villaggio di Dangche, una scuola elementare tibetana con dodici aule, dormitori per 120 bambini provenienti dalle zone nomadi, alloggi per gli insegnanti, cucine, bagni.
A partire dal 1998, per 4 anni consecutivi, ASIA ha organizzato in questa scuola dei corsi di inglese e di computer per formare gli insegnanti tibetani della prefettura. In questo periodo sono stati acquistati alcuni computer e delle attrezzature per costituire un piccolo laboratorio linguistico, che però sono insufficienti per soddisfare le numerosissime richieste della gente locale.
Nel 1997, ASIA ha restaurato nella valle di Dangche un vecchio edificio abbandonato ricavandone una piccola clinica di medicina tibetana. L’edificio è stato fornito di alcuni equipaggiamenti di base ma è necessario adesso, acquistare tutte le attrezzature per potere produrre le medicine tradizionali e fare fronte alla richiesta sempre più crescente della popolazione.
In questi anni ASIA, sta inviando dei medici e delle infermiere volontari, per organizzare la clinica e per garantire un minimo di assistenza di base alla gente locale. La situazione è ancora molto sottosviluppata e molto lavoro deve essere ancora fatto per garantire a tutta la gente locale un minimo di assistenza sanitaria.

Obiettivi
Aumento dell’accessibilità al sistema sanitario di base;
Mantenimento e diffusione della conoscenza della medicina tradizionale;
Sviluppo delle capacità tecniche dei giovani medici tibetani.

6- Beneficiari
I beneficiari diretti di questo intervento saranno tutta la popolazione tibetana della valle di Dangche, stimabile intorno alle 6.000 persone; i medici e gli infermieri che lavorano nella clinica di Dangche e tutti i 350 bambini della scuola di Dangche.

7- Attività
Le attività previste in questo progetto sono:
Potenziamento della clinica di Dangche
Acquisto degli ingredienti di base per la produzione delle medicine;
Potenziamento del sistema elettrico della clinica (trasformatore);
Acquisto di una macina elettrica per polverizzare gli ingredienti necessari alla preparazione delle medicine;
Acquisto di un vagliatore elettrico per gli ingredienti;
Acquisto di una macchina per la preparazione delle pillole;
Acquisto di un boiler per l’acqua calda;
Costruzione del cancello principale della clinica;
Mensole e contenitori per le medicine;
Invio di un medico e di un infermiera per un periodo di tre mesi ciascuno;
Corso di training delle infermiere locali e dei medici locali della durata di due mesi.

8- Costi progetto
8.1 Potenziamento della clinica di Dangche

Voci di costo

Quantità – Prezzo unitario in Euro – Prezzo totale in Euro

Ingredienti di base
Lump sum- 10.089 – 10.089

Potenziamento sistema elettrico
Lump sum – 215 – 215

Macina elettrica
1 – 2.150- 2.150

Vaglio elettrico
1- 2.500- 2.500

Macchina per le pillole
1- 1.500- 1.500

Boiler
1- 1.600- 1.600

Mensole
Lump sum- 1.000- 1.000

Contenitori
Lump sum- 1.200- 1.200

Attrezzature varie
Lump sum- 1.300- 1.300

Cancello
1- 500- 500

Medico
1 persona x 3 mesi- 1.735- 5.205

Infermiera
1 persona x 6 mesi- 1.157- 3.471

Traduttore
1 persona x 6 mesi- 289- 1.734

Totale parziale
32.464

Spese amministrative (5%)
1.623

Totale generale prog.2
34.087

Per informazioni: – Peace for the people: tel 3474062336; Fax: 06-22445421 www.motoforpeace.it
-ASIA: via S. Martino della Battaglia 31, 00185 Roma; tel: 06-44340034; fax 44702620; email: mc8125@mclink.it; www.melong.cm/asia

Ogni versamento può essere effettuato sul seguente conto corrente bancario:
Monte dei Paschi di Siena SpA – C/C: 3893.50 – ABI: 01030 – CAB: 72160
Nella causale scrivere: Donazione Raid Motociclistico
Essendo A.S.I.A. Onlus un’ Organizzazione Non Governativa (ONG), ai sensi dell’art. 28 della Legge 26 Febbraio 1987 no. 49, i contributi e le donazioni in suo favore possono essere dedotti dal reddito fino ad un importo pari al 2% del reddito complessivo dichiarato.

USA flag

China is near 2002